LA LOTTA ALLA MAFIA LA SI FA A ROMA, MA LA SI VINCE A BRUXELLES

Questa mattina abbiamo partecipato all’udienza conoscitiva sul futuro dell’Europa della commissione π‘†π‘π‘’π‘œπ‘™π‘Ž, π‘Žπ‘›π‘‘π‘–π‘šπ‘Žπ‘“π‘–π‘Ž, π‘™π‘’π‘”π‘Žπ‘™π‘–π‘‘π‘ŽΜ€ π‘‘π‘’π‘šπ‘œπ‘π‘Ÿπ‘Žπ‘‘π‘–π‘π‘Ž, π‘π‘œπ‘’π‘ π‘–π‘œπ‘›π‘’ π‘ π‘œπ‘π‘–π‘Žπ‘™π‘’, π‘π‘’π‘™π‘‘π‘’π‘Ÿπ‘Ž 𝑒 π‘”π‘–π‘œπ‘£π‘Žπ‘›π‘–, πΈπ‘’π‘Ÿπ‘œπ‘π‘Ž 𝑒 π‘Žπ‘‘π‘‘π‘–π‘£π‘–π‘‘π‘ŽΜ€ π‘–π‘›π‘‘π‘’π‘Ÿπ‘›π‘Žπ‘§π‘–π‘œπ‘›π‘Žπ‘™π‘–.

Abbiamo portato all’attenzione della commissione la sempre maggiore fluiditΓ  e permeabilitΓ  delle mafie a livello europeo: Europol conta 5000 gruppi criminali organizzati in Europa il cui 70% Γ¨ transfrontaliero, ovvero opera in almeno tre stati membri. Abbiamo raccontato l’evoluzione delle rotte dei traffici di stupefacenti, di armi, tramite mercati fisici e virtuali, attraverso nuove valute che hanno fornito nuove opportunitΓ .

Il lavoro da fare Γ¨ tanto, a partire da quello culturale, di opinione pubblica, di consapevolezza in Europa del pericolo causato dalla presenza delle mafie.
Il nostro Paese puΓ² insegnare tanto: si dice che l’Italia Γ¨ quello della mafia, ma Γ¨ anche il Paese dell’Antimafia, partendo dalla consapevolezza della cittadinanza fino al piano della legislazione.

Abbiamo quindi proposto al Comune di Bologna di farsi promotore di questa sensibilizzazione, inserendo momenti di confronto e di approfondimento sul tema delle mafie negli scambi con le cittΓ  europee gemellate e agendo in rete con altri comuni europei per porre il tema del contrasto alle mafie come prioritario in tutti gli Stati membri e a livello delle istituzioni comunitarie. Proposta che Γ¨ stata accolta e che verrΓ  inserita nell’ordine del giorno del Consiglio comunale che impegnerΓ  la giunta.

A livello di legislazione europea pensiamo poi sia importante che il Comune sostenga, a livello nazionale a Roma e poi a Bruxelles, le proposte di integrazioni avanzate dal settore internazionale di Libera come l’inserimento di un’aggravante per i reati ambientali commessi dalla criminalitΓ  organizzata, l’applicazione di provvedimenti di prevenzione come pilastro della lotta alle mafie a livello europeo, la previsione di un fondo di garanzia per la presa in carico e il sostegno alle vittime della criminalitΓ  organizzata.

Parafrasando Falcone che diceva la lotta alla mafia si fa a Palermo, ma la si vince a Roma, oggi osiamo dire: β€œLa lotta alla mafia la si fa a Roma, ma la si vince a Bruxelles”.